In memoria di Giancarlo Livraghi

Giancarlo Livraghi, fondatore e primo presidente di ALCEI se ne è andato sabato scorso.
Il suo continuo sostegno alla causa dei diritti civili online e l’attenzione al lato umano della Rete lo hanno reso uno dei padri fondatori dell’Internet italiana.
Tutti, in un modo o nell’altro, gli siamo debitori e abbiamo il dovere morale di continuare a percorrere la strada che Giancarlo, con lucida preveggenza, aveva tracciato con la fondazione di ALCEI.
Addio, Giancarlo, che la terra ti sia lieve.
Andrea Monti

Il Garante per la protezione dei dati personali apre un’istruttoria sul caso segnalato da ALCEI

INTERNET: PRIVACY, SU SOFTWARE SPIA AVVIATA ISTRUTTORIA
(V. INTERNET: DOPO IPHONE, SOFTWARE SPIA… DELLE 13.50)
(ANSA) – ROMA, 1 DIC – ”Abbiamo aperto un’istruttoria per analizzare meglio queste segnalazioni, faremo anche verifiche sui telefonini in Italia”: cosi’ il presidente del Garante
della Privacy, Francesco Pizzetti, si esprime in merito alla notizia di un software, scoperto da uno sviluppatore americano, che traccerebbe milioni di telefonini e anche i messaggi di
testo.
”Un conto sono i software finalizzati a ottimizzare il servizio e a garantire le performance degli apparecchi – aggiunge Pizzetti – un conto quelli che tracciano percorsi e men
che meno quelli che registrano messaggi. Cercheremo di approfondire queste tematiche e faremo verifiche sui telefonini anche in Italia”. (ANSA)
SAM 01-DIC-11 16:50

Una segnalazione inviata al Garante dei dati personali sulla presenza nei telefoni Android di un software che spia gli utenti

Signor Garante,

Apprendiamo dagli organi di informazione che un programmatore americano avrebbe scoperto, in milioni di smartphone Android, la presenza di un software sviluppato dalla società americana Carrier IQ che registra
segretamente la pressione dei tasti, la locazione geografica del terminale e i messaggi ricevuti dagli utenti.

(more…)

Una intervista dell’ANSA sulla questione Facebook-Tartaglia-Berlusconi

BERLUSCONI: WEB;ESPERTO,INTERVENTO INUTILE, NO SCERIFFI RETE
(ANSA) – ROMA, 15 DIC – ”E’ sperabile che non si ceda alla pressione del clamore suscitato dalla nota vicenda per imporre forme piu’ o meno indirette di responsabilita’ oggettiva dei fornitori di accesso all’internet, trasformandoli in ‘sceriffi della rete”’: e’ questo il parere di Andrea Monti, avvocato ed esperto di diritto della Rete, in merito alle nuove misure sul web che il governo sta valutando.

(more…)

Comunicato ALCEI del 17 luglio 2009

Ancora una volta il diritto d’autore
è la scusa per violare i diritti dei cittadini

(more…)

Comunicato ALCEI del 18 agosto 2009

Ancora silenzio del Garante dei dati personali sul caso Pirate Bay

(more…)

Comunicato del 9 marzo 2009

Nuove proposte di legge della maggioranza
scardinano i principi del diritto
e concentrano nelle mani dell’ esecutivo poteri
fino ad ora di competenza della magistratura

(more…)

Comunicato ALCEI del 26 gennaio 2009

Una proposta di legge preparata dalla SIAE, con la scusa di “proteggere gli autori”, uccide la cultura e aumenta i privilegi per i padroni delle idee

(more…)

Proposta di legge Barbareschi sulla diffusione telematica delle opere dell’ingegno

N.B. Questa proposta di legge non è attribuibile alla SIAE, ma all‘On. Luca Barbareschi (FI)

(more…)

Stupida legge, perversa sentenza

Un articolo di Giancarlo Livraghi, pubblicato su Gandalf.it, e disponibile anche in Inglesecommenta la vicenda del sito informativo chiuso a seguito di una condanna per stampa clandestina. (more…)

Comunicato ALCEI del 7 ottobre 2008

Caso Piratebay. Il tribunale del riesame di Bergamo annulla il sequestro ma fissa dei principi di diritto pericolosi per i diritti civili

(more…)

Una segnalazione inviata al Garante per i dati personali sul caso “piratebay”

Questa è la segnalazione inviata al Garante per la protezione dei dati personali, a seguito delle notizie diffuse sul caso di intercettazione delle richieste di accesso degli utenti a un sito “sequestrato” dal Giudice per le indagini preliminari di Bergamo, che ha interpretato la nozione di “sequestro” in modo estremamente ampio e fortemente discutibile. Il risultato pratico è una seria minaccia per i diritti di cittadini e imprese del tutto estranei alle indagini.

(more…)

IBLC 2008 – DNA e indagini giudiziarie

Milano, 8 aprile 2008 Palazzo Stelline Sala Porta – Corso Magenta, 61, Milano (MI) – ore 14,00 – 18,15.

(more…)

Comunicato ALCEI del 19 ottobre 2007

Il ritorno del MinCulPop?
In un disegno di legge governativo
di nuovo pretesti e ambiguità
per mascherare la censura di Stato

(more…)

Una “raccomandazione” del Consiglio d’Europa mette in pericolo la libertà  di espressione.

Un comunicato di EDRI del 10 ottobre 2007sulla Council of Europe Recommendation sul tema “promuovere la libertà di espressione e informazione nel nuovo ambiente di informazione e comunicazione”
EDRI (Digital Civil Rights Europe), la federazione europea di associazioni per i diritti civili e la libertà di opinione e comunicazione, il 10 ottobre 2007 ha diffuso un comunicato in cui esprime la sua preoccupazione per una dichiarazione del Consiglio d’Europa sul tema “promoting freedom of expression and information in the new information and communications environment”, che rischia di avere un effetto opposto a quello dichiarato. Questa preoccupazione è condivisa da numerose associazioni, in Europa e altrove.Â

(more…)

La “frattinizzazione” non è l’unica minaccia

Traduzione italiana di un articolo in Edri-gram – 26 settembre 2007 (english text is available here).
(more…)

La posizione di ALCEI all’Internet Governance Forum di Roma

L’Internet Governance Forum che si è svolto a Roma lo scorso 27 settembre è stato incentrato sul tema della necessità di una “costituzione per l’internet”, cioè di un vero e proprio sistema di norme a tutela del “cittadino elettronico”. Ma la domanda che ci si dovrebbe porre – e che ALCEI ha posto durante il suo intervento nella sessione mattutina dell’IGF – è: ne abbiamo veramente bisogno?

(more…)

Comunicato del 11 settembre 2007

Repressione e censura. Lo spettro incombe ancora sull’Italia e sull’Europa. Una inquietante dichiarazione del Commissario europeo Franco Frattini preannuncia l’arrivo della più devastante delle censure: quella sulle parole. La strada e’ aperta per punire chi “pensa” troppo.

(more…)

Comunicato ALCEI del 4 aprile 2007

Direttiva IPRED 2. Un chiarimento sulla posizione di ALCEI

Sulla prossima approvazione della direttiva IPRED 2 – che inasprisce le gia’ pesanti leve giudiziarie a favore delle lobby della proprieta’ intellettuale – si e’ aperto, in rete, un esteso dibattito.
ALCEI, tuttavia, vuole precisare che non ha sottoscritto alcuna “petizione”, o dato appoggio ad altre iniziative, come erroneamente affermato in alcuni siti internet.

Italian Biotech Law Conference 2007
Milano 5 aprile 2007

ALCEI e’ stata fra gli organizzatori della terza edizione della Italian Biotech Law Conference, che è svolta a Milano il 5 aprile 2007. Il tema della conferenza e’  stato: “Chi possiede la bioinformazione?”

Di seguito il programma degli interventi che si sono susseguiti nel corso della giornata:
PROGRAMMA
Chairman
Giovanni Boniolo Università degli studi di Padova, Dipartimento di filosofia

(more…)

Comunicato ALCEI del 10 gennaio 2007

“Decreto Gentiloni” e contrasto alla pedopornografia.

Il 2007 si apre con un provvedimento che conferma la linea repressiva e censoria, più volte denunciata da ALCEI già da molti anni (vedi, fra i più recenti, i comunicati del 13 febbraio 2006 e del 28 febbraio 2006),che oggi più che mai sta interessando l’attività del Legislatore e della magistratura. Stavolta si tratta in massima parte di applicazioni della legge 38/06,che ha modificato la legge 269/98 (Norme contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia, del turismo sessuale in danno di minori, quali nuove forme di riduzione in schiavitù), e, in particolare, grazie ad un Decreto Ministeriale a firma del ministro Gentiloni, dovrà essere istituito da parte del ministero degli Interni il “Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia” a cui saranno affidati compiti di raccolta delle “segnalazioni provenienti anche dagli organi di polizia stranieri e da soggetti pubblici e privati impegnati nella lotta alla pornografia minorile, riguardanti siti che diffondono materiale concernente l’utilizzo sessuale dei minori avvalendosi della rete internet e di altre reti di comunicazioni, nonchè i gestori e gli eventuali beneficiari dei relativi pagamenti”. Il Centro nazionale dovrà
tenere e aggiornare l’elenco dei siti contenente materiale pedopornografico e trasmettere tutti i dati ai provider i quali, a loro volta, dovranno rimuovere la pagine web incriminate entro 6 ore dalla ricezione della comunicazione.
L’esperienza ha ampiamente dimostrato come questo genere di provvedimenti sia inefficace nella “protezione dei minori”, nella prevenzione o repressione delle violenze, eccetera, mentre apre la strada a ogni sorta di censure, divieti e invasività che si possono applicare indiscriminatamente a ogni specie di informazione od opinione “sgradita”.
Non si ha ancora notizia delle modalità tecniche mediante le quali i provider dovranno realizzare questo “filtraggio”, ma tutto ciò che si può sapere finora tende a confermare che, purtroppo, nulla è cambiato – anzi la situazione tende a peggiorare.

Comunicato ALCEI del 26 novembre 2006

La violenza giovanile e il caso Google: ennesimo pretesto per invocare censura e repressione.

(more…)

Comunicato ALCEI del 15 settembre 2006

Data retention e diritti fondamentali dei cittadini in Europa.

(more…)

Comunicato ALCEI del 5 luglio 2006

 

Non contente del famigerato Patto di San Remo, le major dell’audiovisivo chiedono di fare ancora peggio: data retention e distacco immediato degli abbonamenti internet. Senza nemmeno il controllo di un magistrato. 

(more…)

Giornata di studi sul Trusted Computing

 

Il 12 maggio 2006 ALCEI ha partecipato alla giornata di studi sul Trusted Computing organizzata dal Dipartimento di Informatica e Comunicazione e dal Dipartimento di Scienze dell’Informazione dell’università di Milano. 

(more…)

Comunicato ALCEI del 28 febbraio 2006

Attuato l’art. 536 della legge finanziaria 2005. Con la scusa di combattere il gambling online, l’internet italiana è “intercettata” per legge ma senza il controllo del magistrato.

(more…)

Comunicato del 17 febbraio 2006

Approvato in gran segreto il recepimento della direttiva 2004/48. Ennesimo ampliamento dei poteri delle major dell’audiovisivo.
Con la scusa del recepimento della (“discutibile”) direttiva 2004/48, (a cui si aggiunge la “direttiva Frattini” prossima ventura) le major dell’audiovisivo tentano di aggravare le responsabilità dei provider e mettono a rischio la libertà della rete.
E’ di questi giorni la notizia dell’imminente approvazione di un decreto legislativo che “recepisce” la direttiva 2004/48/CE (l’ennesimo provvedimento comunitario che si occupa di “protezione della proprietà intellettuale”).
La direttiva in questione consente agli Stati membri di garantire ai titolari dei diritti di proprietà intellettuale “leve giudiziarie” ancora più vessatorie e aggressive di quelle – già esageratamente invasive – messe a disposizione dalla legge italiana.
E’ evidente che questo provvedimento non ha alcun carattere di urgenza. E’ sintomatico che a Camere sciolte si ricorra a un iter straordinario di delega al governo per produrre una norma infestata di discutibili interpretazioni e di intenzionali distorsioni lessicali.
Grazie all’ambiguità nella definizione di concetti fondamentali (come per esempio l’equiparazione fra “proprietà intellettuale” – cioè il diritto d’autore – e la “proprietà industriale” – cioè marchi e brevetti; o la vaga definizione di “intermediario” che presta servizi a chi viola i diritti di proprietà intellettuale) la direttiva ha consentito al legislatore italiano (debitamente “ispirato”) di stravolgere ulteriormente un testo già di per sè estremamente sbilanciato in favore degli interessi dei “soliti noti”. Il risultato pratico è che il decreto legislativo contiene alcune norme che pur non esplicitamente rivolte all’internet, sono – palesemente – concepite per essere applicate a provider e utenti. Dal che si deduce chiaramente che l’obiettivo del decreto legislativo è quello di colpire gli ISP mettendoli nelle condizioni di dover “immolare” i propri utenti per non subire pesanti richieste di risarcimento.
L’obiettivo in questione è perseguito con tutte le armi del “maneggio” politico. Da strumentali “errori di traduzione”, all’uso di definizioni volutamente vaghe, all’ampliamento non autorizzato del campo di applicazione della direttiva per finire con la “dimenticanza” di quelle parti della direttiva che impongono doveri e responsabilità ai “titolari” dei diritti.

(more…)

Comunicato ALCEI del 13 febbraio 2006

Peggiorata una pessima legge
Ancora norme incivili
con il pretesto della “protezione di minori”

(more…)

Comunicato ALCEI del 4 novembre 2005

Una denuncia di ALCEI
Nella frenesia dei tentativi
di impedire la riproduzione di musica,
la Sony BMG Entertainement
diffonde software pericolosi.

(more…)

Documento del 04 novembre 2005

Questo e’ il testo dell’esposto presentato da ALCEI
in relazione all’abuso di DRM da parte di
Sony BMG Music Entertainment

(more…)

Comunicato del 12 ottobre 2005

Bloccate le audizioni
per la riforma della legge sul diritto d’autore

Con giustificazioni formali palesemente non accettabili,
la Presidenza del consiglio dei ministri
pone fine al tentativo di dare un volto umano
alla legge sul diritto d’autore

(more…)

Documento del 18 settembre 2005

Pacchetto sicurezza e repressione dei diritti civili.
Un documento di approfondimento
del comunicato 18 settembre 2005
Repressione dei diritti civili
con il pretesto del terrorismo
.
Di nuovo pericolose ambiguità
nelle norme italiane
e nella loro applicazione.

(more…)

Comunicato del 18 settembre 2005

Repressione dei diritti civili
con il pretesto del terrorismo

Di nuovo pericolose ambiguità
nelle norme italiane
e nella loro applicazione

(more…)

Convegno:
Cyberfreedom – Pescara
3 e 4 settembre 2005

Resistenza culturale contro la censura. Per maggiori informazioni, questo è il sito del convegno.

(more…)

Comunicato ALCEI del 21 giugno 2005

Abusi e connivenze: non si tratta solo del “caso Aruba”

Il 21 giugno 2004 è venuto alla luce un fatto preoccupante, che purtroppo è tutt’altro che un caso isolato. Si è scoperto che un server, collocato presso la webfarm di Aruba, è stato sottoposto per un anno (all’insaputa dei suoi proprietari) al controllo della polizia postale, che è in grado di verificare, copiare e conservare tutti i suoi contenuti – nell’ambito di un’indagine che riguarda una sola casella di posta. Il server appartiene dell’associazione Autistici/Inventati – uno dei punti di riferimento telematici dell’opinione antagonista italiana – e i fatti sono riassunti in un suo comunicato stampa.

(more…)

Documento del 22 marzo 2005

Analisi dei contenuti del Decreto Urbani sulla criminalizzazione del Peer-to-Peer
(more…)

Documento del 21 maggio 2004

Analisi dei contenuti della Legge 21 maggio 2004 n.128
Sintesi
Il 31 maggio 2004 è stato annunciato un nuovo intervento legislativo che (si dice) modifica la L.128/04 (che attua il “decreto Urbani”) per eliminarne alcuni dei più palesi errori  – e per tentare di “placare” le estese proteste suscitate da quelle disposizioni.  Se e come questa ennesima “pezza” modificherà la giungla normativa si potrà capire solo dopo che il testo sarà stato pubblicato (e dopo l’iter parlamentare di una sua eventuale definitiva conversione in legge).  E’, comunque, forte, la sensazione che l’annunciata modifica serva soltanto a soddisfare gli interessi delle major escluse, piuttosto che a correggere, come sembra illudersi l’opposizione, le storture di principio della legge.

(more…)

Documento del 12 maggio 2004

Italian Crackdown, dieci anni dopo

Passato praticamente nel silenzio il decennale della operazione di polizia che nel 1994 distrusse, ingiustamente, la telematica amatoriale italiana con la scusa di proteggere il diritto d’autore. – 12/05/2004

(more…)

Comunicato ALCEI del 15 marzo 2004

Chi copia una musica, un film o un software deve essere trattato come un terrorista?

(more…)

Comunicato ALCEI del 26 gennaio 2004

Ambiguita’ e pericoli della prevenzione
I difetti del decreto legge italiano sulla “data retention” erano stati segnalato da ALCEI nel suo comunicato del 23 dicembre 2003 – e hanno poi dato luogo a dibattiti e polemiche, anche in ambito internazionale, per problemi di “privacy”. Ma il il tema ha implicazioni molto piu’ ampie, come spiegato nel nuovo documento di ALCEI di cui riassumiamo qui alcuni punti.

(more…)

Comunicato ALCEI del 24 gennaio 2004

Ambiguità e pericoli della “prevenzione”
English text

(more…)

Comunicato ALCEI del 23 dicembre 2003

La conservazione indiscriminata del traffico internet non serve ad arrestare i criminali e minaccia la libertà di imprese e cittadini
Un articolo pubblicato a pagina 8 de Il Corriere della sera di oggi, 23 dicembre 2003, annuncia l’emanazione di un provvedimento normativo che imporrà la conservazione per cinque anni del traffico internet.

(more…)

Documento del 20 novembre 2003

Risposta dell’Antitrust alla segnalazione inviata il 09/01/02

(more…)

Comunicato ALCEI del 22 gennaio 2003

La sicurezza non deve diventare un pretesto per la invasività
La sicurezza dei sistemi informatici e telematici è un problema serio che merita un approfondimento meditato e concreto. Non giovano a soluzioni efficaci le notizie allarmistiche, i sensazionalismi e le informazioni sbagliate troppo spesso dilaganti sull’argomento – né le disattenzioni, purtroppo ancora diffuse, alle necessarie cautele.

(more…)

Documento del 26 settembre 2002

Documento del 24 settembre 2002

Comunicato ALCEI del 17 giugno 2002

Rischio privacy per vulnerabilità router Telindus 11xx
Un buco nei router ADSL Telindus serie 11xx permette di aquisire senza nessuna dote particolare di “cracking” le password di accesso ai router della famiglia.
ALCEI interviene presso il Garante dei dati personali per chiarimenti e chiede un tempestivo intervento a riguardo.

(more…)

Libertà, trasparenza e compatibilità: non è solo un problema di software

(Sintesi della relazione presentata per ALCEI al convegno AICA “Conoscere per Scegliere
promuovere una cultura del software” – Milano, 18 aprile 2002)

(more…)

Documento del 9 gennaio 2002

Contro le ingiuste limitazioni dei diritti degli utenti DVD

Stampare, firmare, spedire – 09/01/02

(more…)

Dossier – La strumentalizzazione dell’attentato agli USA da parte di politici e giornalisti a danno delle libertà civili. Intollerabile e vergognoso caso sciacallaggio

Dopo l’undici settembre
- Sciacalli, sciocchi e sciagurati. Un articolo di Giancarlo Livraghi pubblicato su Media Forum
- La democrazia alla prova del terrore. Un articolo di Robert Rubin su MyTech
- Luciano. E ora meno libertà sulla rete. Un articolo su Punto Informatico che riporta le preoccupanti affermazioni del Commissario dell’Autorità per le TLC
- Un messaggio dalla lista soci di ALCEI:
15 settembre 2001

(more…)

Comunicato ALCEI del 5 luglio 2001

La bozza di trattato sui reati informatici. Ambiguità pericolose per i diritti civili

(more…)

Documento del 6 novembre 2000

Intervento inviato da ALCEI al Comitato Esperti Internet della Presidenza del Consiglio dei Ministri in occasione della giornata di lavoro
“Internet, quale futuro per l’Italia” – Aula Convegni del CNR – Piazzale Aldo Moro – Roma – 6 Novembre 2000

(more…)

Comunicato del 18 ottobre 2000

ALCEI insieme ad altre 27 associazioni internazionali ha presentato un documento alla Commissione Europea che sta discutendo sul’adozione diuna Convenzione internazionale sui reati informatici.

(more…)

Documento del 18 ottobre 2000

Global Internet Liberty Campaign – Lettera sulla futura convenzione internazionale sui reati informatici inviata alla Commissione Europea

(more…)

Comunicato ALCEI del 25 luglio 2000

Va di male in peggio la legislazione italiana sul "diritto d’autore”"
Schedature, “pentiti” e sequestri di computer contro chi copia software. La futura legge sul diritto d’autore tratta chi usa programmi non licenziati allo stesso modo dei trafficanti di droga.

(more…)

Documento del 1 giugno 2000

DNA e diritto d"autore. Necessità di codici aperti della conoscenza

Intervento al convegno I nostri dati genetici. Opportunita’, rischi, diritti [1]Roma, 21 giugno 2000 – Palazzo Ferrajoli – Piazza Colonna 5 di ALCEI

(more…)

Documento del 15 marzo 1999

Diritti d’autore e sequestri di computer
L’ambito di applicazione dell’art.171 bis lda
A seguito dell’emanazione del d.lgs. 518/92 che recepisce la direttiva europea 250/91, il software e’ considerato “opera dell’ingegno” e quindi assoggettato alla legge sul diritto d’autore (lda). Siccome le opere dell’ingegno godono anche di una tutela penale e dato che sono state previste delle sanzioni penali per i casi di duplicazione abusiva.

L’attuale formulazione dell’articolo nell’art.171 bis l.d.a. punisce
“Chiunque abusivamente duplica a fini di lucro, programmi per elaboratore, o, ai medesimi fini e sapendo o avendo motivo di sapere che si tratta di copie non autorizzate, importa, distribuisce, vende, detiene a scopo commerciale, o concede in locazione i medesimi programmi.”

(more…)

Comunicato ALCEI del 15 marzo 1999

Modifiche ingiuste e incivili alla legge sul diritto d’autore
E’ in discussione in Parlamento una modifica della legge 633/41 (“Legge sul diritto d’autore”) che inasprisce gravemente il contenuto delle norme vigenti.

(more…)

Documento del 1 marzo 1999

Far crescere la rete al servizio dei cittadini – Intervento di ALCEI al convegno “Internet: i diritti telematici”
Vorremmo prima di tutto ringraziare gli organizzatori di questo convegno per il fatto di averlo voluto e per la chiara intenzione di vedere la rete nella sua realtà e nei suoi valori, come uno strumento per la società civile, per l’economia, per la cultura, anziché (come troppo spesso accade) come una specie di “oggetto estraneo” da reprimere, controllare, censurare prima ancora di averne capito la natura e le potenzialità.

(more…)

Documento del 23 febbraio 1999

Freeware e altre nuove iniziative per il rilancio della tecnologia e dell’industria italiana dell’informazione

(more…)

Comunicato ALCEI del 15 febbraio 1999

Echelon: reazione tardive delle istituzioni pubbliche
Nei giorni scorsi i mezzi di informazione hanno dato ampio risalto alla denuncia proveniente da organi istituzionali relativa al progetto Echelon, un sistema di intercettazione delle comunicazioni su scala mondiale realizzato dagli Stati Uniti in collaborazione con la Gran Bretagna, l’Australia e la Nuova Zelanda. Una delle proprietà rilevanti di questo sistema è la sua capacità di intercettare una comunicazione in base ai suoi contenuti, indipendentemente dall’indentità di chi la trasmette o la riceve.

(more…)

Comunicato ALCEI del 3 febbraio 1999

"Liberalizzata" la crittografia in Francia per difendersi dallo spionaggio elettronico

(more…)

Comunicato ALCEI del 28 gennaio 1999

Il problema e’ grave e sta peggiorando. C’e’ una soluzione: sistemi aperti, trasparenti e compatibili in tutti i servizi pubblici. Occorre una decisione chiara delle autorita’  italiane ed europee.
L’uso delle tecnologie informatiche e telematiche non riguarda soltanto particolari settori ma diventa sempre piu’ un elemento portante di tutte le attivita’  economiche, culturali e sociali. Garantirne un uso libero ed efficiente e’ percio’ una necessita’  fondamentale della societa’  civile.

La meditata opinione di ALCEI E’ che ci sia un problema grave: l’asservimento dell’intero sistema di comunicazione, pubblica e privata, nel nostro Paese (come in tutto il mondo) a sistemi chiusi e non verificabili, governati da interessi privati che esercitano un controllo monopolistico – e che per di pia’¹ risiedono fuori dai nostri confini e non sono governati dalle nostre leggi.
Cio’ puo’ avere conseguenze molto negative per la nostra economia, per la nostra cultura e per la liberta’  di opinione e di dialogo, pubblico e privato, nel nostro Paese.
Il problema E’ complesso e riguarda tutte le tecnologie impiegate, siano software (programmi, protocolli, linguaggi) o hardware (computer e altre attrezzature). Ma un passo sostanziale verso la soluzione puo’ essere fatto con una soluzione semplice. Proponiamo una norma che stabilisca due inderogabili criteri:
1. Che i servizi di pubblica utilita’  usino programmi informatici e telematici totalmente trasparenti e aperti: cioE’ di cui sia noto e liberamente modificabile il “codice sorgente”.

(more…)

Documento del 23 gennaio 1999

Tecnologie, trasparenza e compatibilita’

La struttura e l’evoluzione delle tecnologie possono essere molto complesse. Non e’ questa la sede per entrare nei dettagli, ma ci sembra necessario inquadrare alcuni aspetti fondamentali.
Non tutte le tecnologie rilevanti nell’informatica, e specialmente nella telematica, sono “programmi”. Anche se possono rientrare nel concetto generale di software, possono essere cose di natura diversa, come “linguaggi” o “protocolli”. Per questi non si pone il problema del “codice sorgente”, perche’ non contengono parti o funzioni inaccessibili o inesplorabili; ma cio’ nonostante possono sorgere problemi di trasparenza e di compatibilita’ .
Per esempio cose semplici, come il linguaggio HTML (usato nell’oggi diffusissimo sistema World Wide Web) si sono progressivamente complicate fino al punto che non tutte le pagine sono leggibili con tutti i browser e non tutti i siti sono utilizzabili se non con complessita’  che richiedono l’uso di software ad hoc. Ci sembra assai discutibile questo percorso anche nell’uso privato, dove tuttavia non puo’ essere condizionata la liberta’  di ciascuno di gestire come vuole la sua comunicazione; ma in relazione ai principi generali espressi nel nostro comunicato crediamo che nel caso della Pubblica Amministrazione e di tutti i servizi di pubblica utilita’  debba essere sempre garantita, indipendentemente dal tipo di tecnologia utilizzata, la totale trasparenza e compatibilita’ .
E’ importante, inoltre, garantire ai cittadini la massima liberta’  possibile di accesso alle informazioni, senza costringerli a usare tecnologie costose o inutilmente complesse.
Inoltre non si tratta solo di software, ma anche di hardware, perche’ elementi di incompatibilita’  possono esistere anche nel hardware, cioe’ nella struttura dei computer e perfino dei processori.
In questo quadro, puo’ accadere che neppure la disponibilita’  del codice sorgente sia una sufficiente garanzia nel caso di programmi particolarmente complessi e difficilmente analizzabili; il concetto di trasparenza e compatibilita’  puo’, in pratica, andare anche oltre questa specifica esigenza tecnica.
Insomma ogni ostacolo alla compatibilita’  e alla trasparenza deve essere evitato o rimosso, indipendentemente dal tipo di tecnologia, strumento o applicazione in cui possa trovarsi.

(more…)

Comunicato ALCEI del 4 gennaio 1999

Incentivi per la diffusione dell’internet: l’idea è buona; le soluzioni sono discutibili

(more…)

Documento del 27 novembre 1998

L’intervento di ALCEI al convegno AIIP “Emergenza Internet”

A nome di tutti noi di ALCEI ringrazio l’AIIP per l’invito a partecipare a questo convegno. E’ noto che ALCEI ha l’abitudine di esprimere le sue opinioni con molta franchezza – e continueremo a farlo, ogni volta che ci troveremo davanti a un rischio di repressione o censura o a qualsiasi fatto o progetto che possa ostacolare la libera e civile crescita delle reti telematiche, la libertà di opinione e la libertà di scambio di idee e di informazioni. Ma non credo che questo ci ponga in contrastocon gli obiettivi dell’AIIP e con il tema di questo convegno.

(more…)

Comunicato ALCEI del 15 novembre 1998

Il ritorno di ALCEI

ALCEI (Electronic Frontiers Italy) è la libera associazione di cittadini che ha per scopo la difesa della libertà di opinione, lo sviluppo culturale della comunicazione interattiva, l’affermazione dei diritti del "cittadino elettronico".

(more…)

Documento del 20 ottobre 1998

Lettera aperta al presidente degli Stati Uniti
Traduzione italiana a cura di ALCEI
GILC invia una lettera aperta al Presidente degli Stati Uniti sulla nuova versione del Communications Decency Act

Signor Presidente,
Internet non ha frontiere e i comportamenti dei singoli governi e organizzazioni internazionali possono avere un effetto profondo sui diritti dei cittadini di tutto il mondo. Per questo motivo i sottoscritti membri della Global Internet Liberty Campaign presentano rispettosamente questo documento dove esprimono le proprie preoccupazioni sulla legislazione promossa da Congresso degli Stati Uniti, idonea a colpire seriamente la libertà di espressione su Internet.

(more…)

Comunicato ALCEI del 13 ottobre1998

SEQUESTRI DI COMPUTER: preoccupante orientamento del Tribunale penale di Brescia
Le segnalazioni dei giorni precedenti relative ad alcuni crackdown in corso hanno trovato conferma.

(more…)

Documento del 2 novembre 1998

Le grandi fusioni hanno un nemico invisibile: l’incompatibilità

Purtroppo non è disponibile online l’articolo di Stan Lepeak pubblicato da Computerworld Italia il 2 novembre 1998 con il titolo “Le grandi fusioni hanno un nemico invisibile: l’incompatibilità“. L’articolo osserva che, nei casi sempre più frequenti di fusioni e acquisizioni, troppe aziende sottovalutano le difficoltà di fondere i sistemi e le organizzazioni IT, difficoltà che risulta ingigantita quando le aziende interessate sono multinazionali o di Paesi diversi.

(more…)

Documento del 16 settembre 1998

Dichiarazione della Casa Bianca sulle modifiche delle regole per l’esportazione di crittografia

(more…)

Documento del 10 settembre 1998

Osservazioni sulle Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici ai sensi dell’articolo 3, comma 1, del Decreto del Presidente della Repubblica, 10 novembre 1997, n. 513.

(more…)

Documento del 5 settembre 1998

Alice nel paese delle ipocrisie

di Giancarlo Livraghi gian@gandalf.it – 5 settembre 1998

(more…)

Comunicato ALCEI del 3 settembre 1998

Un’ennesima, clamorosa campagna  di terrorismo e disinformazione sull’Internet

(more…)

Documento del 3 settembre 1998

Storia della crociata infame

Questa è la raccolta di alcuni messaggi diffusi il 3 settembre 1998 in alcune liste sull’internet

(more…)

Comunicato ALCEI del 28 giugno 1998

Sequestrato un server per un presunto messaggio diffamatorio
Apprendiamo con preoccupazione, sorpresa e indignazione la notizia del sequestro, avvenuto a Bologna il 27 giugno 1998, del server internet di Isole nella Rete (un’associazione no-profit che fornisce spazio e comunicazione a centri sociali, organizzazioni e radio di movimento, associazioni di volontariato sociale) su ordine del Procuratore della Repubblica presso la Pretura di Vicenza, dott. Paolo Pecori, a causa della presenza su quel sito di un messaggio che qualcuno considera diffamatorio.

(more…)

Documento del 10 giugno 1997

L’ascolto del bambino e della famiglia nella società che cambia

Sintesi delle osservazioni proposte da Giancarlo Livraghi per ALCEI nel gruppo di lavoro “Formazione e informazione per i bambini attraverso i media” al convegno del Telefono Azzurro.

(more…)

Documento del 6 giugno 1997

Lettera alle nazioni ASEAN contro la repressione della rete

   Noi, le sottoscritte organizzazioni, scriviamo per esprimere la nostra profonda preoccupazione riguardo alla decisione annunciata dalle nazioni appartenenti all’ASEAN di regolare collettivamente le comunicazioni sull’Internet. L’accordo fu annunciato a Singapore alla fine di un incontro di delegati delle nazioni ASEAN organizzato dalla Singapore Broadcasting Authority.

(more…)

Comunicato ALCEI del 27 maggio 1997

Internet: strumento potente per educatori consapevoli

ALCEI ha per fine la tutela e la difesa di chi vuole utilizzare la rete per comunicare in piena libertà le sue opinioni senza mai essere sottoposto ad alcun genere di censura. Ma comprende che nella convivenza civile la libertà dei singoli può e deve trovare un limite là dove si rischia di recare offesa ai diritti di altri, ed in particolare di chi è più indifeso. Per questo condivide la necessità che si evitino in tutti i modi fatti e comportamenti che possano costituire violenza contro i minori o grave turbamento per loro e per le loro famiglie.

(more…)

Documento del 22 maggio 1997

Bozza di codice di autoregolamentazione diffusa dal Ministero delle poste e telecomunicazioni il 22 maggio 1997

(more…)

Comunicato ALCEI del 8 aprile 1997

Una legge strana, più che speciale
ALCEI, nel comunicato stampa diffuso oggi, prende posizione contro un passo specifico della proposta di legge per la repressione dei reati legati alla pornografia minorile, in discussione in questi giorni. Passo, a nostro avviso, allarmante e indicativo del clima di pregiudizio che accompagna la diffusione delle nuove forme di comunicazione elettronica.

(more…)

Documento del 7 aprile 1997

GRUPPO DI LAVORO SUI CONTENUTI ILLEGALI E DANNOSI SU INTERNET

Versione in italiano del documento comunitario:

(more…)

Comunicato ALCEI del 2 aprile 1997

Zucconi & zucconi

Il 28 marzo su RAI UNO nel corso del rotocalco TV7 è stato trasmesso l’ennesimo servizio su INTERNET. Ancora una volta si è trattato di un’accozzaglia di imprecisioni e luoghi comuni di inesitente contenuto informativo.

(more…)

Comunicato ALCEI del 27 marzo 1997

Lettera di Alcei al Ministero delle PP.TT.

Questo è il testo che ALCEI ha inviato il 20 marzo ai funzionari del Ministero delle Poste e Telecomunicazioni in seguito all’incontro del 18 marzo con il Ministro MACCANICO ed i Sottosegretari LAURIA e VITA.

(more…)

Comunicato ALCEI del 30 gennaio 1997

“Questo matrimonio non s’ha da fare”(anzi, va smembrata la sposa)
Quale sinistro Don Rodrigo, che si nasconde sotto il nome di ALCEI, fa una così crudele proposta?

(more…)

Documento del 11 dicembre1996

Lasceresti da solo un bambino in mezzo all’autostrada?

Relazione di ALCEI al Consumer Forum Intergroup del Parlamento Europeo

(more…)

Documento del 26 ottobre 1996

Il saluto di ALCEI al 2° Convegno Nazionale di PEACELINK

Statte (TA) 26-27 ottobre 1996

(more…)

Documento del 6 giugno 1996

Cassandra
di Giancarlo Livraghi

È proprio vero che possiamo stare tranquilli?
Piccolo catalogo di chi non ha voglia di lasciarci in pace

(more…)

Comunicato ALCEI del 5 giugno 1996

ADN KRONOS e Falange Armata

Un anno fa vi fu un grande clamore intorno alla presunta aggressione telematica ai danni dell’agenzia ADN Kronos e che, alla luce dei fatti, si era poi rivelato essere un episodio privo di consistenza. Tra l’altro, in quell’occasione, nessuno si era preoccupato di rendere note all’opinione pubblica le conclusioni degli inquirenti. Adesso giunge la notizia dell’individuazione di “IceMc”, uno studente di diciassette anni, quale presunto responsabile di una serie imprecisata di accessi abusivi perpetrati in punti isolati e mal protetti delle reti telematiche

(more…)

Documento del 9 maggio 1996

Nel nome della legge, dichiaro Internet in arresto!

di G. Salza e P. Buschini
“Articolo 227-23 del codice penale”.

(more…)

Documento del 31 dicembre 1995

Rassegna stampa degli articoli usciti in occasione della nascita di ALCEI (1994/1995)

(more…)

Documento del 20 giugno 1995

COMPORTAMENTI E NORME NELLA SOCIETA’ VULNERABILE Osservazioni su “Non c’è privacy senza sicurezza” FORUM MULTIMEDIALE LA SOCIETA’ DELL’INFORMAZIONE

(more…)

Comunicato del 9 giugno 1995

Un fax sulla “disinformazione”
mandato da ALCEI all’Espresso (ed in seguito distribuito in rete e ad altri giornali)

(more…)

Comunicato ALCEI del 9 giugno 1995

Siamo l’umanità di Internet, non fateci passare per mostri
Un appello ai giornalisti della stampa, della televisione e della radio e a tutti coloro che “fanno opinione”

(more…)

Comunicato ALCEI del 12 maggio 1995

Repressione della libertà di comunicazione in U.S.A., Francia, Germania siamo “immuni” in Italia?
Le attività repressive e di censura, perverse quanto inutili, sulle reti telematiche negli Stati Uniti, in Francia e in Germania sono un fenomeno molto preoccupante. E’ necessario informare e mobilitare l’opinione pubblica prima che il contagio si estenda anche all’Italia o all’Unione Europea.
ALCEI (l’associazione per la libertà nella comunicazione elettronica interattiva) sta da tempo segnalando il pericolo rappresentato dai tentativi di repressione nei confronti delle reti telematiche e il rischio che il tristemente famoso “Decency Act” americano trovi imitatori in Europa.

(more…)

Comunicato ALCEI del 10 aprile 1995

La legge é giusta, ma va corretta per evitare rischi di repressione

ALCEI (l’associazione per la difesa della libertà nella comunicazione elettronica) chiede che nella legge vengano introdotte le modifiche necessarie per evitare impedimenti alla libera espressione e scambio di idee ed informazioni.

(more…)

Comunicato ALCEI del 31 marzo 1995

"Centinaia di innocenti legati, bendati e imbavagliati dalla polizia"

Dove avvengono, queste cose? Non in un remoto regime schiavista. Ma nella libera, civile, democratica Italia: ogni volta che si indaga su qualcuno che usa un computer.

(more…)

Documento del 14 dicembre 1994

Perché mi sono iscritto a ALCEI
di Bruce Sterling
Mi chiamo Bruce Sterling e sono uno scrittore e giornalista di Austin, Texas, USA. Il 3 dicembre 1994 mi sono unito a un gruppo che si chiama “Associazione per la libertà nella comunicazione elettronica interattiva”: mi sono iscritto a ALCEI e ho anche pagato la quota di iscrizione.

(more…)

Comunicato ALCEI del 3 settembre 1994

Nasce l’Associazione per i diritti del cittadino elettronico: un appuntamento per gli operatori dell’informazione
Abbiamo deciso di tutelare e sviluppare un diritto nuovo, un diritto ancora debole. Un diritto di libertà. Abbiamo deciso di farlo in prima persona. Il 27 luglio è nata a Milano

(more…)

Document Sept. 3, 1994

ALCEI Who We Are
ALCEI – Electronic Frontiers Italy is an association of people dedicated to affirm and protect constitutional rights for “electronic citizens” as new communications technologies emerge.
ALCEI is focused on the safeguard of freedom of expression and personal privacy for any person using electronic communication systems for personal, social, cultural, professional activities.
ALCEI was founded in Milan at the end of July 1994 and is inspired by the principles and goals of the Electronic Frontier Foundation.
The main objectives of ALCEI – EF Italy are:
– To ensure the protection of Constitutional rights for citizens using computer-based communication systems, researching and advising on current and future laws to ensure those rights;
– To monitor, disclose and oppose any behavior intended to put restriction, censorship or suppression of free circulation of electronic communications and exchange of information and ideas, no matter how controversial.
– To support, encourage and promote the development and use of electronic communications, in order to enable all citizens to have a voice in the information age.
– To inform and educate the community at large about computer-based communication systems, emphasizing their responsible use and their positive consequences for our society.

(more…)

Comunicato ALCEI del 31 agosto 1994

E’ nata l’Associazione per i “Cittadini Elettronici”
Mai pensato che il nostro computer potrebbe aver problemi di libertà? E il nostro modem voglia di riservatezza?
Eppure ne hanno, cioeè: li abbiamo noi. Quasi senza accorgercene, leggendo e scrivendo messaggi, usando forme nuove di comunicazione, siamo diventati un’altra cosa. Siamo “cittadini elettronici”. Ma “quanto” siamo liberi? Quanto abbiamo già “regole” adeguate alla novità che viviamo e rappresentiamo?

(more…)

Saluto della Electronic Frontier Foundation ad ALCEI – EF Italia

In luglio sono cominciati i contatti sulla costituzione di un’organizzazione in Italia simile alla EFF.

(more…)