Comunicato ALCEI del 23 dicembre 2003

La conservazione indiscriminata del traffico internet non serve ad arrestare i criminali e minaccia la libertà di imprese e cittadini
Un articolo pubblicato a pagina 8 de Il Corriere della sera di oggi, 23 dicembre 2003, annuncia l’emanazione di un provvedimento normativo che imporrà la conservazione per cinque anni del traffico internet.

E’ una decisione inutile dal punto di vista investigativo, impraticabile tecnicamente e pericolosa per i diritti dei cittadini innocenti e delle imprese.

Il terrorismo – non da oggi – è una minaccia grave e reale e va sicuramente accettato quanto consente di combatterlo nel modo più efficace. Ma non al prezzo di ledere indiscriminatamente il rispetto dei diritti fondamentali instaurando un sistema di schedatura preventiva di massa. Sistema, che, per di più, mette a rischio interi comparti economici del Paese, come banche, assicurazioni e, in generale, tutti quei settori che trattano informazioni personali.

Siamo, ancora una volta, di fronte all?ennesimo tentativo di imporre censura e repressione approfittando dei pretesti più vari (e drammatici, come in questo caso) per legittimare norme palesemente contrarie alla Costituzione.

In realtà l’accumulazione preventiva del traffico internet ha una scarsissima efficacia investigativa e non aggiunge sostanziale valore all’operato della polizia giudiziaria. Le attuali tecniche di indagine di cui dispone la magistratura, insieme alla cooperazione offerta dagli internet provider e dagli operatori telefonici già consentono, infatti, di svolgere investigazioni di polizia senza bisogno di emanare norme pericolose che, a parte la discutibilità tecnica, dànno “licenza di spiare” tutto e tutti.

Si faccia tutto ciò che serve per reprimere gli illeciti, ma non per questo si conceda licenza di invasività.